L'ambiente marino

L'ambiente marino

Le varie suddivisioni degli ambienti marini, il sistema fitale ed afitale, i vari piani dei sistemi, dall' adlitorale al circalitorale vai >>

Composizione dell'acqua di mare e caratteristiche

Composizione acqua di mare

La composizione dell'acqua marina, le percentuali dei sali disciolti, la salinitàvai>>

Caratteristiche

Le caratteristiche fisico-chimiche dell'acqua marina, il termoclino, la viscosità, etc. vai>>

La luce nel mare

La luce nel mare

L'assorbimento della luce nel mare, lo spettro, l'influenza sulla vita, le suddivisioni in zone eufotica oligofotica afotica vai>>

La barriera corallina

La barriera corallina

Descrizioni delle barriere coralline, le origini e la formazione, le madrepore, la simbiosi con le alghe simbionti, le zooxantelle vai>>

Il plancton

Il plancton

Il fitoplancton, lo zooplancton, suddivisione del plancton, le diatomee, gli adattamenti alla vita planctonica, etc.
vai>>

caulerpa

Le alghe

Le alghe

Descrizione delle alghe, caratteristiche ambientali, importanza della luce, ambienti secondari vai>>

Le zooxantelle

Le alghe simbionti dei coralli: le zooxantelle

Le alghe simbionti vivono sopratutto con protozoi, spugne, celenterati: la distribuzione... continua>>

Categorie

Categorie delle alghe

Suddivisione delle alghe in relazione all'ambiente bentonico di appartenenza
vai>>

amphiprion

Dizionario

 Dizionario

Un' elenco di termini ordinati alfabeticamente per conoscere meglio il significato di alcune parole o semplicemente il nome comune di un pesce, una conchiglia, etc.

vai>>

galeone

Storia

I grandi personaggi che hanno fatto la storia dei Mari, da Colombo a Vespucci, Caboto, Diaz, ecc.


vai>>

Cerca un termine





zooxantelle
La stella gorgona di Gianni Neto

Questo strano animale, appartenente alla classe Ofiuroidei, le comuni ofiure o stelle serpentine, è l'unico rappresentante della sua famiglia, i Gorgonocefalidi, presente in Mediterraneo.

La sua forma è inconfondibile: dal disco centrale, piuttosto piccolo, si dipartono, con la tipica geometria pentaraggiata degli echinodermi, le lunghe braccia ramificate. L'impressione che si riceve, al suo cospetto, è quella di trovarsi di fronte non un animale, ma un ammasso di rami secchi di qualche specie vegetale.
Astrospartus su gorgonia
Il nome scientifico Astrospartus mediterraneus deriva, appunto, dalla congiunzione dei due termini aster = stella e spartos = arbusto, mentre il nome comune di stella gorgone ci ricorda le mostruose divinità con i serpenti come capigliatura: le Gorgoni, capaci di pietrificare chiunque incrociasse il loro sguardo.
astrospartus Fortunatamente la nostra stella non ha nulla a che fare con la mitologia, resta comunque il fatto che l'aspetto inusuale e l'ambiente stesso in cui vive, profondo e, a volte tetro, sommato alla condizione che per vederla in azione occorre immergersi di notte, al suo cospetto, una certa inquietudine appare giustificata. Le braccia, ramificate più volte, sono di colore nocciola chiaro tendente al rosa, una volta estese completamente, conferiscono all'animale una forma che ricorda una parabola per la ricezione dei segnali radio.
In effetti si tratta di una vera e propria macchina da cattura del plancton, una micidiale trappola nella quale finiscono imprigionati numerosi organismi planctonici come copepodi, pesci, larve di crostacei, anellidi e quant'altro faccia parte del plancton .
E' quindi una specie filtratrice, capace di filtrare, in una nottata, alcune migliaia di litri d'acqua. Le prede catturate vengono convogliate alla bocca tramite la contrazione del braccio responsabile della cattura, mentre le altre braccia continuano la caccia.
A differenza delle altre stelle serpentine, che amano starsene sotto le pietre, l'Astrospartus vive allo scoperto.


E' comunque una specie notturna e fotofoba, che frequenta ambienti piuttosto profondi (50/200 mt); di giorno rinchiude a cesto su se stesso le numerose braccia restando in posizione pressochè stabile generalmente ancorato al ramo di una gorgonia.
Per questo usa delle appendici corte, poste intorno alla bocca, rimanendo tenacemente saldato al celenterato prescelto. Le dimensioni del disco centrale, che corrisponde al corpo dell'animale, non supera gli otto centimetri di diametro, mentre, a braccia completamente distese arriva agevolmente ai quaranta.
Non si conosce molto sulla biologia di questa specie, in ogni caso si sa per certo che i sessi sono separati e che non esiste dimorfismo sessuale. La fecondazione avviene in acque libere, la larva, chiamata ofiopluteo, come tutte quelle appartenenti agli Ofiuroidi, conduce una breve vita planctonica per poi fissarsi al substrato dove avverrà la metamorfosi.
E' considerata una specie rara, anche se in alcune regioni italiane, come la Toscana, si registrano numerose segnalazioni di avvistamenti.
Ho potuto osservare personalmente concentrazioni, comprendenti individui di tutte le taglie, di 8/10 esemplari in pochi metri quadrati di fondale.

vai al sito di Gianni Neto

torna su

© 2013 I Segreti del Mare @ webmaster